Quindicinale di informazione e di approfondimento
della Diocesi di Alghero-Bosa

MACOMER All'ITS si riparte dai professionisti dell'energia

Scritto da Luca Contini | 25 gennaio 2013 | Dialogo locale
Arriveranno a breve i primi "super diplomati" in efficienza energetica della Sardegna grazie alla chiusura del primo biennio di attività dell'Istituto Tecnico Superiore (ITS) di Macomer. Unico ad essere stato istituito in Sardegna a seguito della riforma del Ministero della pubblica istruzione, l’ITS di Macomer si appresta infatti a chiudere il suo primo ciclo formativo dedicato al settore dell’efficienza energetica a cui partecipano venti studenti diplomati. La scuola è governata da una Fondazione di partecipazione che vede insieme soggetti pubblici (fra cui il comune di Macomer) e soggetti privati. Grazie a un contributo della Regione sono state stanziate le risorse che permetteranno agli studenti di accedere ai tirocini nelle aziende più innovative del settore sia a livello nazionale che internazionale. Uno stage in un’importante realtà imprenditoriale di Brescia e una in Germania sono solo alcune delle esperienze pratiche che i venti studenti affronteranno nei prossimi mesi. Concluderanno le 800 ore di stage che il corso prevede oltre alle 1200 ore di lezione in aula. 
 
Dagli elementi di impiantistica alle nozioni di energetica, dallo studio delle norme ambientali alla pratica di cantiere, sono molteplici le discipline che il corso propone. Ad esse si aggiunge un modulo per la costituzione di nuove imprese che competano nel mercato. “Un bilancio sul primo biennio di studi – spiega il presidente dell’ITS Raffaele Franzese – evidenzia la scarsa dispersione da parte degli iscritti. Sui venticinque studenti che hanno iniziato il corso ben venti sono tutt’ora i frequentanti”. Sarà anche per questo che, per il prossimo biennio che inizierà a settembre, la scuola punta a raddoppiare le classi di studio coinvolgendo quaranta studenti. L’iniziativa ha sicuramente una ricaduta positiva anche per Macomer visto che gli studenti attualmente frequentanti la sede di via Milano, provengono da tutte le parti della Sardegna e molti di loro risiedono in città per l’intera settimana. Per il futuro l’ITS prevede di garantire loro anche il servizio di alloggio e ha chiesto per questo al comune di Macomer la disponibilità del convitto dell’ex scuola agraria. Se il progetto andasse in porto nascerebbe dunque nel Marghine un piccolo Campus di studi specializzato nella formazione post diploma capace di rafforzare il ruolo di Macomer e del Marghine nella loro funzione di poli scolastici di interesse regionale.